#RaccontaIlTuoServizio

Vedere ogni ragazzo crescere, crescendo insieme a lui – Un'educatrice in comunità SIPROIMI

No foto
Zanotta Beatrice Educatrice
  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Condividi

Lavoro come educatrice presso la comunità SIPROIMI (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati) "La Soglia di Casa" (della cooperativa Farsi Prossimo onlus di Milano), la quale ospita 18 ragazzi.

Il lavoro in comunità è un tipo di lavoro che coinvolge sempre e inevitabilmente anima e corpo, è un lavoro assiduo che ti assorbe sia nel bene che nel male, soprattutto in un periodo difficile come quello che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo a causa dell'emergenza sanitaria in corso.

Vivere le giornate insieme ai ragazzi nella quotidianità delle azioni e sostenere questi giovani adulti, che cercano di farsi strada per costruirsi un futuro concreto, nonostante tutte le difficoltà e gli intoppi che si presentano lungo il percorso, sono tutti aspetti del "vivere la comunità" giorno dopo giorno e che mi hanno reso la persona che sono oggi.

Sono convinta che l'aspetto migliore sia proprio questo: vedere ogni ragazzo crescere, crescendo insieme a lui magari, seguendolo nel progetto in ogni sua parte (dall'aspetto più burocratico-legale a quello relazionale ed affettivo) e sostenendolo, affinché possa riuscire a raggiungere gli obiettivi che si è prefissato venendo qui in Italia, facendogli sapere che c'è qualcuno che crede in lui.

Ma il lavoro dell'educatore ovviamente non è fatto solo di momenti di gioia. A volte le giornate non sono per niente facili, tra discussioni e situazioni di crisi in cui mediare. Riuscire a mantenere i ritmi frenetici dettati dall'avere 18 ragazzi da seguire può risultare stancante, ma sono proprio questi i momenti che ti fanno capire quanto prezioso e unico sia questo tipo di lavoro.

È un lavoro che assorbemolte energie, ma che sul lungo periodo regala un'infinità di soddisfazioni e di emozioni. Si tratta di un lavoro COMPLETO, che richiede molta versatilità (non è raro infatti che uno si debba improvvisare un po' un tuttofare in diverse occasioni), creatività, costanza, perseveranza ma soprattutto voglia di mettersi in gioco e non arrendersi mai.

 



 
  

Abbonati alla rivista

Da oltre 30 anni Animazione Sociale mantiene l'abbonamento a un prezzo ridotto, grazie al sostegno delle lettrici e dei lettori e del Gruppo Abele che ne è l'editore. Una scelta per favorire l'accesso di tutti alla formazione, risorsa vitale per lavorare nel sociale.

Abbonati