Animazione Sociale

nr 335

  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Condividi

editoriale

Il futuro riparte nei territori

Siamo entrati nella «fase 2». La fase della cosiddetta ripresa. Questo numero offre idee e indicazioni per procedere in questa direzione. 
Stiamo muovendo i primi passi nel tanto atteso «dopo». Quello in cui dicevamo che nulla sarebbe stato come «prima». Un tempo segnato dall’ambivalenza: da un lato il desiderio di ripristinare la normalità infranta, dall’altro il sentimento che la normalità andrà ricostruita. Non potrà essere quella di prima, i giorni dell’emergenza ci hanno cambiato, hanno mutato il quadro socio-economico. 

Nella «fase 1» abbiamo capito
il valore dei territori. Nella
«fase 2» bisognerà ricordarsene.

Nella «fase 1» era difficile avere un pensiero che si staccasse dal presente, dalla paura del contagio. Specie i tanti operatori e operatrici che hanno continuato a mandare avanti i servizi hanno lavorato quasi in apnea, riformulando velocemente obiettivi, riadattando strumenti, riconfigurando processi in una quotidianità dove automatismi e ritualità erano andati in frantumi sotto l’urto del virus.

Ma man mano che prendevano le misure all’inedito (mai prima d’ora ci eravamo confrontati con una epidemia), tanti hanno anche maturato apprendimenti che ci tornano utili per questa fase 2 e per quelle che seguiranno.

Il virus ha infatti reso visibili aspetti importanti che in questi anni abbiamo, se non dimenticato, un po’ trascurato. Uno su tutti: l’importanza dei territori, delle reti sociali, del loro governo.

Nessun professionista, nessuna organizzazione basta a se stessa. Siamo parte di un ecosistema territoriale, da cui traiamo le risorse per vivere, lavorare, rendere possibili i diritti delle persone. Questo ecosistema è il fattore protettivo. Lo è tutte le volte che ci misuriamo con domande più grandi della capacità di ogni singolo attore di darvi risposta: oggi l’epidemia, in generale tutti i problemi con cui da sempre ci confrontiamo: minori a rischio, anziani soli, adulti fragili… 

Occorrerà allora nella fase 2 rilanciare un’ottica territoriale nel lavoro educativo, di aiuto, di cura. I territori sono i luoghi dell’azione sociale: chi è rimasto recluso nei mesi dell’isolamento lo ha fatto con la fiducia che chi era sul territorio sapeva come muoversi, con chi connettersi. Il grande investimento da fare è dunque questo: sulle connessioni territoriali, il lavoro di comunità, l’infrastruttura dei welfare locali.

Acquista il prodotto

Aggiungi

Indice del numero

editoriale
Il futuro riparte nei territori

#vignetta
Tra ricchi e poveri

by Mauro Biani

sostare nella comprensione
Se l’ultima cosa da fare è rifare ciò che facevamo prima

intervista a Franca Olivetti Manoukian a cura di Animazione Sociale

sedimentare la vitalità
Per i servizi è tempo di allargare lo sguardo

di Maria Augusta Nicoli, Vincenza Pellegrino, Giulia Rodeschini, Vanessa Vivoli

sguardi
Più comunità nella società post virus?

testi di Marina Fasciolo, Flavia Franzoni, Ennio Ripamonti, a cura di Roberto Camarlinghi e Francesco d’Angella

diritto al futuro
Affrontare le disuguaglianze di istruzione

«Percorsi», un progetto che sostiene la scelta universitaria
di Silvia Cordero, William Revello

r-esistere adolescenti
Inventare l’educazione nel digitale

Linguaggi&tecniche/2: l’apprendimento mediato dalla tecnologia
di Davide Fant

viaggi diari libri foto
* Piccole grandi orme per «salvare il mondo»

  di Davide Boniforti
* Post-it del tempo interrotto
 
 a cura della redazione
* Non possiamo vivere isolati
  testo di Alessandro Baricco, Foto a cura della redazione

focus
Ricercare dentro la crisi la sapienza pedagogica

riflessioni su #RaccontaIlTuoServizio
testi a cura di Laura Formenti
1. ESSERCI. Lasciarsi interpellare da storie sul campo
2. SPIEGARE Condividere la ricerca di un senso
3. RELAZIONARSI Inoltrarsi nella reciprocità educativa
4. ORGANIZZARE Mettere al lavoro la mente collettiva
5. RIPOSIZIONARSI Interrogare le rappresentazioni del lavoro sociale

 

Abbonati alla rivista

Da sempre Animazione Sociale mantiene l'abbonamento a un prezzo ridotto, grazie al sostegno delle lettrici e dei lettori e del Gruppo Abele che ne è l'editore. Una scelta per favorire l'accesso di tutti alla formazione, risorsa vitale per lavorare nel sociale.

Abbonati