Animazione Sociale

nr 328

  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Condividi

editoriale

In cerca di narrazioni di speranza

Mentre scriviamo queste righe viene presentato il rapporto 2019 dell’Istat che ci consegna la fotografia di un Paese in declino. Dal Pil alle nascite, il presente ha il segno del meno e del peggio. Tra le varie recessioni colpisce quella demografica. Nel 2018 sono nati in Italia 493mila bambini, 140mila in meno rispetto al 2008. «È un calo numerico di cui si ha memoria nella storia d’Italia solo risalendo al biennio 1917-1918, un’epoca segnata dalla Grande guerra e dai successivi effetti dell’epidemia spagnola», dice il presidente Istat, Gian Carlo Blangiardo. «Viene da chiedersi se siamo (e saremo ancora) un paese che guarda al futuro o se invece dobbiamo perlopiù sentirci destinati alla manutenzione del presente».

“Un compito per i nostri
mondi, che hanno cura e
competenza dell’umano.“

Il futuro appare oggi un tempo difficile da coniugare, al punto che ci si domanda se non limitarsi a manutenere quel che ancora c’è. Ma viene da chiedersi a questo punto cosa ne è di una società che smette di guardare al futuro. Che paese sia un gomitolo di gente impaurita, che si rintana nella difesa dei confini, cercando rassicurazioni in ciò che rimane ma perdendo ogni tensione generativa verso quello che ancora non è (comprese le generazioni future). Lo sappiamo, sentirci generativi è la vera condizione del nostro benessere. La psiche sta bene quando è rivolta al futuro, non quando è implosa nel presente. Quando sente di aver presa sul reale, non quando si sente sotto scacco. Sappiamo anche che il futuro arriva a prescindere dal costruirlo o meno. E infatti il futuro, se non ci dedichiamo a pensarlo, arriva ogni giorno con fattezze simili al presente-passato, se non peggiori. Allora ci si domanda se proprio dai nostri mondi, che hanno cura dell’umano e competenza di ciò che serve per farlo fiorire, non possano nascere oggi nuove narrazioni di speranza. Andando controcorrente alla narrazione dominante, che è senza speranza, con un futuro che non ha la promessa dell’happy end, ma il sigillo del game over.

Acquista il prodotto

Aggiungi

Indice del numero

editoriale
In cerca di narrazioni di speranza

#vignetta
Moriremo, forse

by Sergio Staino

nuove sfide 
Quale welfare per uscire insieme da passioni tristi?

intervista a Mauro Magatti a cura di Franco Floris

cose da fare con i giovani
L’immaginazione è attendere ora l’inaspettato

testo di Ugo Morelli

frontiere
Il lavoro sociale nell’era digitale

testo di Maria Pia Fontana

collaborazione sociale
Cogliere l’efficacia insita nella situazione

testo di Ennio Ripamonti, Davide Boniforti

viaggi diari libri foto
* Ben accolti ad Atene e sull’isola di Sifnos

  di Renate Goergen
* Primitivi di Manduria
  di Davide Pizzi
* I luoghi della «città del noi»
  dai testi di Roberto Saviano, foto di Maria Pinato

focus
Il confronto creativo sblocca e attiva l’invenzione sociale
Testi di Marianella Sclavi, Lawrence Susskind
* Tre know-how per aprire percorsi di confronto creativo
* La leadership che facilita il decidere insieme
* I cinque passi d’avvio di chi vuole co-progettare

 

Abbonati alla rivista

Da sempre Animazione Sociale mantiene l'abbonamento a un prezzo ridotto, grazie al sostegno delle lettrici e dei lettori e del Gruppo Abele che ne è l'editore. Una scelta per favorire l'accesso di tutti alla formazione, risorsa vitale per lavorare nel sociale.

Abbonati