1. Animazione Sociale
  2. News
  3. Editoriali
  4. Editoriali 2019

Editoriali 2019

7 | 2019

Il sociale, l’ossigeno delle nostre vite

Iredazione ci siamo chiesti: che cos’è il «sociale»? Perché tanti vi operano e tanti altri andrebbero sensibilizzati sulla sua importanza? Una questione cui Gaber anni fa dedicò una bella canzone: «…il sociale non so bene cosa voglia dire…/ il sociale è una nozione delle più confuse/ che per ragioni misteriose abbiamo il dovere di salvare…» (Il sociale, 1984). Ne sono scaturiti alcuni pensieri, che proponiamo ai lettori, operatori nel «sociale».

6 | 2019

La solidarietà o è per tutti o non è

Prima gli italiani, dice lo schieramento al governo. Prima gli esseri umani, dice il fronte umanitario. Solidarietà perimetrata contro solidarietà universale. Chi sostiene la prima è in linea con lo spirito dei tempi, che prima di decidere se aiutare o meno l’altro ne esamina la provenienza. Chi difende la seconda è un «nemico degli italiani» in quanto difende gli interessi degli stranieri.

5 | 2019

In cerca di narrazioni di speranza

Mentre scriviamo queste righe viene presentato il rapporto 2019 dell’Istat che ci consegna la fotografia di un Paese in declino. Dal Pil alle nascite, il presente ha il segno del meno e del peggio. Tra le varie recessioni colpisce quella demografica. Nel 2018 sono nati in Italia 493mila bambini, 140mila in meno rispetto al 2008. «È un calo numerico di cui si ha memoria nella storia d’Italia solo risalendo al biennio 1917-1918, un’epoca segnata dalla Grande guerra e dai successivi effetti dell’epidemia spagnola», dice il presidente Istat, Gian Carlo Blangiardo. «Viene da chiedersi se siamo (e saremo ancora) un paese che guarda al futuro o se invece dobbiamo perlopiù sentirci destinati alla manutenzione del presente».

4 | 2019

Sociale è chi sociale fa

Torna la Summer School dedicata a capire come nei territori costruire alleanze tra mondi diversi a servizio del bene comune. La rivista ne è tra i promotori insieme al Consorzio Cascina Clarabella e al Centro Studi per l’economia sociale «Alessandro Zabbialini» perché riteniamo che mai come oggi, per creare opportunità di inclusione, occorra animare i territori dentro una prospettiva di giustizia e di benessere collettivo.

3 | 2019

Convincere, convincere, convincere

«Noi, nella nostra debolezza, in questa minoranza che siamo, non possiamo vincere. è il potere che vince sempre; noi possiamo al massimo convincere ». Tornano alla mente le parole di Franco Basaglia (Conferenze Brasiliane, 1979) davanti alla campagna di delegittimazione e sospetto in atto contro il mondo della solidarietà, pubblica e privata, istituzionale e informale. Perché oggi sta accadendo proprio questo: si sta scegliendo di fare la «guerra alla solidarietà» per rassicurare un popolo impaurito. Sembra paradossale, di certo è inefficace, ma vi è del metodo in questa follia.

Pagina 1 di 212