7 | 2020

Due tappe verso la costituente

Nel percorso verso «una costituente del lavoro sociale ed educativo», avviato dalla rivista con il documento pubblicato nello scorso numero, due tappe saranno particolarmente importanti in questo scorcio di 2020. La prima saranno «I cantieri della città del noi», l’appuntamento biennale che l’Ordine Assistenti Sociali Puglia e la Fondazione Firss organizzano a Bari dal 2014 con la rivista Animazione Sociale. Titolo della quarta edizione sarà: Invenzioni di comunità. Annodare fili dentro città fragili (3-5 dicembre). Dopo l’estate sono partiti i laboratori introduttivi, che quest’anno si svolgono su piattaforma.

A Bari e Bologna i prossimi
due appuntamenti del
cammino verso la costituente.

La seconda sarà il convegno nazionale Abitare i confini. Quale lavoro con le marginalità urbane? (14-15 dicembre), promosso da Asp Città di Bologna con il Comune e Animazione Sociale. Con gli operatori sociali bolognesi la rivista si è già incontrata in alcune giornate di lavoro per definire i contenuti delle plenarie e dei workshop.

Questi due appuntamenti permetteranno di cogliere le intuizioni e le fatiche di chi oggi, dentro i tessuti della città e lungo le sue linee di confine, sta provando a riannodare fili, ritessere legami, rendere possibili diritti. Perché oggi i territori di questa nostra Italia si scoprono più fragili, dopo il susseguirsi di crisi che sembrano diventate la cifra di quest’epoca.

Basti pensare che nell’ultimo decennio la povertà ha rotto gli argini. Fra il 2007 e il 2018 il numero di persone bisognose è passato da 1,8 a 5 milioni. E poi è arrivato l’evento Covid… È evidente che oggi serve una forte discontinuità. Si tratta di accendere luci, aprire cantieri, convocare energie, produrre nuove narrazioni dentro l’orizzonte della cittadinanza, stella polare della società che continuiamo ad avere nella testa e nel cuore.

Abbonati ora >>