1 | 2021

Il cinquantesimo anno della rivista

50-ANNI_3_

 

Nel 1971, a Milano, intorno alla figura di un grande salesiano, don Aldo Ellena, nasceva Animazione Sociale. La redazione era composta da figure appartenenti a varie discipline, accomunate dal desiderio di contribuire a migliorare la società cui appartenevano. Dal solo esser parte si voleva prender parte.

Dal 1971 Animazione Sociale,
ha a cuore il metodo e
i processi di lavoro.

In quell’atto fondativo era contenuto il dna di una rivista (poi affidata da Ellena al Gruppo Abele nel 1988) che nel tempo ha cercato di tenere fede all’intento iniziale: animare il sociale inteso come quella dimensione costitutiva della vita delle persone e dei soggetti sociali, nella quale ognuno è chiamato a dare e a ricevere, contribuendo a generare una dinamica evolutiva che allarga i perimetri della cittadinanza per tutti, specie per chi in quella cittadinanza fatica ad accedere o è a rischio di fuoriuscirne.

Così anche l’interdisciplinarietà  costituisce una matrice storica della proposta di Animazione Sociale: per affrontare problemi complessi come quelli con cui siamo alle prese servono tutti i saperi, e serve il sapere di tutti, non ultimo quello delle persone con le quali lavoriamo, per quanto immerse, talora travolte, dalle fatiche del vivere.

Nel 2021 la rivista attraverserà il suo cinquantesimo anno (il primo numero uscì a novembre). Intende farlo posizionandosi nel luogo che più le è proprio: quello dei processi e del metodo di lavoro. Perché Animazione Sociale è e resta una rivista che ha l’ambizione di aiutare gli operatori sociali a lavorare meglio.

Un’ambizione resa possibile dal fatto che chi scrive sulla rivista è spesso chi quel metodo e quei processi ha sperimentato in prima persona con la propria équipe di lavoro. E desidera condividere le sue scoperte, le sue intuizioni, i suoi dubbi, con la comunità più vasta dei professionisti e cittadini attivi che ha in Animazione Sociale il suo punto rete.

50 anni quindi. Un anno da pensare insieme, da costruire insieme. Che sia un buon anno di lavoro.

Abbonati ora >>