ULTIMO NUMERO
IN DISTRIBUZIONE AGLI ABBONATI

In questo numero:
intervista fare cultura insieme alla città | studi degenerazioni del potere nel lavoro | prospettive la riforma del terzo settore e dell’impresa sociale | inserto reti sociali e operatori al lavoro nei quartieri| metodo lavorare in gruppo nelle organizzazioni| strumenti la partecipazione delle famiglie negli interventi di tutela|discussione accompagnarci nel tessere trame di nuove abitabilità | il popolo invisibile degli operatori sociali | diari semini in gruppo e raccogli risorse | locande la locanda che cresce insieme al suo quartiere

Scopri il sommario della rivista

DIECI PERCORSI TEMATICI
DA SCOPRIRE

promo raccolte

UNA BIBLIOTECA TUTTA PER TE

Tra le pagine di Animazione Sociale prendono forma, di numero in numero, approfondimenti concettuali e indicazioni metodologiche intorno ad aree cruciali del lavoro sociale, educativo, di cura. Testi elaborati da operatori, équipe, massimi esperti nazionali.
Li abbiamo raccolti in dieci percorsi tematici.

Scopri i percorsi e come acquistarli

 
 

La rivista

Dal 1971 Animazione Sociale è la rivista di chi lavora in campo sociale, educativo, della cura. Dal 1988 è edita dall’Associazione Gruppo Abele. 112 pagine ogni mese, 1.000 pagine ogni anno. Da leggere e magari discutere in équipe.  Scopri di più 

A chi ci rivolgiamo

Educatori professionali, assistenti sociali, psicologi, pedagogisti, insegnanti, psichiatri, sociologi, volontari, cittadini attivi. Donne e uomini impegnati nei servizi sociali, educativi, sanitari, del pubblico e del privato socialeScopri di più

Copia saggio

Non conosci la rivista? Scarica una copia saggio. Come vedrai, la rivista dedica particolare attenzione al metodo di lavoro e alle mappe concettuali, in un mix fecondo di teoria e pratica che ha nell’agire riflessivo la sua sintesi.  Scopri di più

Coltivare la politicità dei desideri

è il filo rosso di Animazione Sociale

In un tempo di dis-astri, di astri contrari, è vitale interrogarsi sui de-sideri, le stelle (in latino sidera) verso cui tendere, ovvero le mete del nostro agire. Forse è vero che più i momenti sono difficili e meglio si vedono le cose importanti.
E allora oggi, in un’epoca di crisi, sociale ma più ancora culturale, si apre lo spazio per riprendere contatto con le nostre aspirazioni, per interrogarci “per quale città vogliamo lavorare”. Che non può essere né una città fortino, né una città ghetto. Ma il progetto di una città ospitale, al servizio della quale si pone la stessa “città dei servizi”

Consulta il nostro archivio on line

1998/2016

Animazione Sociale è parte del progetto culturale del Gruppo Abele

728x90

Resta in contatto.

 

Iscriviti alla Newsletter

Facebook

Twitter